PICCOLE STORIE BREVI

Dove 
Stazione Gauss | Piazzale Falcone Borsellino, 17
Data Mostra 
dal 14 Gennaio, 2017 al 5 Febbraio, 2017

La mostra Piccole storie brevi è un’accurata selezione della produzione artistica di Cecilia Roda, che conduce il pubblico a scoprire il "meraviglioso mondo" di Lilybris, suo nome d'arte. Biglietti, fogli, foglietti, supporti cartacei da scrittura trasformati in una forma d'arte totalmente personale e riconoscibile. Un immaginario fatto di pensieri ed esperienze traslati in omini comunicanti, che nella loro apparente semplicità racchiudono la compessità della vita. La calligrafia è essa stessa parte integrante del suo cammino artistico: solo Lilibrys può utilizzarla, Cecilia nella vita quotidiana ne ha un'altra. Le frasi legate alle immagini sono poesie, a volte fatte di una sola parola, ma una parola capace di penetrare gli animi e di stimolare il pensiero critico. 

Dalle sue parole, la sua poetica: “Lilybris è abbreviazione di Lily Briscoe, il "mio" personaggio letterario. È in Gita al faro di Virginia Woolf, che è un libro per me molto simbolico e determinante. È una pittrice che per tutto il libro vuole dipingere un quadro ma non riesce: non è la figura principale del romanzo. Ciò che mi ha sempre colpito e mi ha fatto sentire parte è che alla fine lei ha una "visione", finisce il dipinto dopo dieci anni. Non si sa cosa dipinga, ma è importante che il momento sia arrivato, è la "vision" la chiave. Ed è ciò che succede a me. Un canale di purezza autentica che mi conduce a disegni semplici. Ho tradotto e ridotto (all'osso) una complessità che mi ha a lungo ingabbiata adottando il linguaggio più semplice e immediato che conosco. Ci è voluto tempo, ho inziato disegnando occhietti e scrivendo come fossi bambina poi la lingua è diventata tante cose fino agli omini. Mi sorprende nel vedere come spesso una cosa semplice porti con se la complessità di una vita, adulta soprattutto. È un processo in me naturale ma non è stato così facile e immediato acquisire la consapevolezza che bastava la semplicità per riuscire a comunicare anche cose molto grandi e difficili: timori, gioie, momenti della vita. Cose in cui tanti potessero riconoscersi e sapersi (come dice Calvino: «Si conobbero. Lui conobbe lei e se stesso, perché in verità non s’era mai saputo. E lei conobbe lui e se stessa, perché pur essendosi saputa sempre mai s’era potuta riconoscere così.»). Non ho mai disegnato pensando, artificiosamente. Mi diverto, spesso.” (Cecilia Roda)

Tipologia Artista 
Tecnica mista
Nome Artista 
Cecilia Roda
Bio Artista 

Cecilia Roda, modenese classe 1990, mette in mostra a Pesaro una piccolissima parte del suo immenso lavoro, archiviato meticolosamente in ampi raccoglitori, che passerebbero ore a guardarseli tutti. Lilybris – il suo nome d’arte - scrive e disegna. Scrivere le viene naturale come leggere, da qui la Laurea in lettere conseguita nel 2014 a Bologna. Turbine di idee e lavoratrice instancabile, a 27 anni appena compiuti Cecilia ha già all’attivo una decina di occupazioni, un viaggio a New York come ragazza alla pari, partecipazioni a gruppi di poesia, attività varie di impegno sociale, come le letture nei reparti di oncologia pediatrica e psichiatria. Suona anche la chitarra, se il resto non bastasse. 

Seguitela su:

facebook.com/cecilia.roda

facebook.com/lilybrisoninstagram

intragram.com/lilybris

youtube.com/ceciliaroda